Stresa Vergante, con il Chieri prima vittoria al "Forlano" - I AM CALCIO VCO

Stresa Vergante, con il Chieri prima vittoria al "Forlano"

Tripoli fa centro dal dischetto, 1-0
Tripoli fa centro dal dischetto, 1-0
VcoSerie D Girone A

C'era grande bisogno di una vittoria convincente come quella ottenuta contro il Chieri, e non solamente per la classifica. Il 4-0 inflitto ai torinesi giunge al termine di un periodo difficilissimo, forse il più difficile di sempre, per tutto l'ambiente "Blues" che in settimana si è ritrovato a dover salutare Giorgio Rotolo contornato da una folla smisurata che ha testimoniato la propria vicinanza anche allo Stresa Vergante per la tragedia che si è dovuto affrontare. Le questioni di campo non potranno attenuare questo dolore ma è bello pensare che Rotolo sia stato presente in tribuna al "Forlano" per la prima vittoria stagionale in Serie D dei suoi ragazzi e che abbia sorriso per la prestazione di una squadra che proverà fino in fondo a trattenere anche con le unghie il proprio posto nella massima serie dei Dilettanti.

Schieramenti Non si discosta dall'abituale difesa a tre mister Nicolini nel preparare il suo Stresa Vergante alla sfida con una squadra che in classifica sta viaggiando spedita, posizionata ai margini della zona playoff; Graziano, sempre più convincente, completa il reparto arretrato con Tordini e Gerevini, mentre accanto a Barranco in attacco viene posizionata la fantasia e l'esperienza di capitan Tripoli. Sorrentino paga l'assenza pesante dell'ex Novara Alfiero, squalificato, buttando nella mischia Libertazzi al centro dell'attacco e portando in panchina l'ultimo arrivato, Salvatore D'Elia nella scorsa stagione in Serie B con il Frosinone.

Onda Blues L'avvio, agli ordini del Sig. Chieppa di Biella, sembra privilegiare l'assetto offensivo del Chieri che propone un tridente d'attacco in cui due terzi, Avantaggiato e Libertazzi, costruiscono il primo pericolo di giornata con l'esterno a crossare per la testa dell'ex Novara e RG Ticino che colpisce ma non inquadra lo specchio difeso da Taliento. Al primo vero affondo i borromaici però passano e la gara cambia volto: Tripoli si fa spazio sul fronte destro dal quale arriva a calciare con pericolosità, Virano mura il tentativo del fantasista ma sulla ribattuta Bellocchio si fa sorprendere da Barranco, agganciandolo quando questo ha già conquistato palla fiondandosi in area di rigore. L'arbitro, vicinissimo, concede la massima punizione che Tripoli trasforma spiazzando il portiere e dedicando, neanche a dirlo, alla memoria di Rotolo con le dita rivolte al cielo. Il gol toglie imbarazzo alla manovra dei padroni di casa che diventano anche padroni del gioco: al 12' Virano si deve superare sulla girata sotto misura di Graziano che sembrava destinata in fondo al sacco poi al 22' Spera, instancabile per tutto l'arco del match, affonda a destra lasciando partire un cross pungente che viene liberato a fatica dalla difesa torinese. Vicinissimo al raddoppio lo Stresa Vergante ci arriva anche al 26', quando Baiardi irrompe sull'ennesimo cross teso di Spera calciando a botta sicura ma trovando la deviazione quasi fortuita di Calò che manda il pallone sul fondo. Brividi per il "Forlano" al 31', la difesa sbaglia nell'uscita da dietro palla al piede concedendo il fianco alla ripartenza di Ponsat, il rasoterra fa fuori Taliento ma taglia tutta l'area piccola senza che nessuno, nemmeno Avantaggiato in spaccata, possa arrivare alla deviazione decisiva. Resterà tuttavia l'unico pericolo corso dagli stresiani fino al riposo, che premia l'ottimo approccio lacuale alla partita.

C'è festa per tutti E, ad onor del vero, la spinta del Chieri risulterà blanda anche in avvio di ripresa che, tolta una punizione sballata di Argento dopo pochi secondi, con la palla che si impenna e sorvola di diversi metri la traversa, offrirà pochi spunti. Sorrentino prova ad invertire la rotta buttando nella mischia il giovane Papagno e il neo arrivato D'Elia, cambiando più volte faccia al proprio schieramento, ma i torinesi non funzionano e lo Stresa Vergante approfitta degli ampi spazi lasciati da una squadra protesa invano alla ricerca del pareggio: all'11' fulminante il contropiede lanciato dai padroni di casa, Tripoli mette Argento a tu per tu con Virano ma lo stresiano calcia direttamente addosso al portiere sprecando un'occasione capitale di arrotondare il risultato. Baiardi ci prova allora dal limite senza fortuna (18') poi è il più piccolo della compagnia, Tripoli, a svettare di testa sfiorando il palo alla sinistra di un Virano che non avrebbe potuto intervenire. L'ora del raddoppio scocca infine al 23' Spera brucia l'erba sulla propria fascia di competenza toccando un pallone delizioso a Tripoli che trova sulla sua strada ancora Virano, la palla rotola verso Argento che questa volta non può sbagliare il tap-in che concretizza il 2-0 dei padroni di casa. Con la tranquillità di chi sa di avere in pugno la situazione, lo Stresa Vergante si mette a giocare con la mente sgombra e le occasioni fioccano: al 25' è da applausi la plastica sforbiciata di Tripoli sul traversone di Barranco che diventa facile da controllare per Virano solo perché la sfera si indirizza proprio al centro della porta; il 36' però premia l'azione da manuale sciorinata palla a terra dai borromaici che al termine di una fitta rete di passaggi vedono Colantonio armare il destro di Barranco che la mette all'angolino per il 3-0. Il Chieri prova a scuotersi con Ponsat che calcia nel cuore dell'area di rigore quello che è il primo tentativo in porta dei torinesi - al 38' della ripresa - ma Taliento è sicuro nella presa. La gara, virtualmente finita, ha una coda in pieno recupero che arrotonda ulteriormente il risultato a favore degli uomini di Nicolini: è il 48' Magonara buca nuovamente lo schieramento torinese sul fianco destro, vero terreno di caccia per i padroni di casa, rendendo semplice il tocco di Perkovic che trova il primo gol in maglia Blues chiudendo il pomeriggio perfetto della compagine lacuale.

STRESA VERGANTE-CHIERI 4-0

Reti: 8' Tripoli rig.; 23'st Argento, 36'st Barranco, 48'st Perkovic.

Stresa Vergante (3-5-2): Taliento; Graziano, Tordini, Gerevini; Spera (43'st Magonara), Cento (41'st Fradelizio), Fimognari (43'st Del Fiore), Argento (35'st Colantonio), Baiardi; Tripoli (35'st Perkovic), Barranco. A disposizione: Samarxhi, Carpani, Scotto, Grechi. All. Nicolini.

Chieri (4-3-3): Virano; Calò, Conrotto, Bellocchio, Ciccone; Bevilacqua (5'st Papagno), Bortoletti (13'st Alvitrez), Di Lernia; Avantaggiato (19'st Ciampolillo), Libertazzi (9'st D'Elia), Ponsat. A disposizione: Bianco, Balan, Benedetto, De Letteriis, Maini. All. Sorrentino.

Arbitro: Chieppa di Biella.

Note: Ammoniti Cento e Barranco per lo Stresa Vergante, Conrotto, Bellocchio, Bevilacqua, Ponsat e Bortoletti per il Chieri.

Carmine Calabrese