Vco, la delegazione provinciale lavora per ampliare la base - I AM CALCIO VCO

Vco, la delegazione provinciale lavora per ampliare la base

Crescono i numeri della Terza categoria
Crescono i numeri della Terza categoria
VcoTerza Categoria

Sono buone le prospettive che si presentano alla vigilia della stagione 2021-22, che si spera possa essere la prima completa dopo il lungo periodo caratterizzato della presenza del Covid-19 che ha messo in ginocchio soprattutto le categorie inferiori del calcio dilettantistico. Nel Vco si sta invertendo il trend che nelle ultime annate aveva visto scendere sensibilmente e in maniera costante il numero delle società iscritte alla Terza catgoria, con il risultato che nelle ultime stagioni è stato impossibile varare un girone costituito quasi completamente da squadra della provincia.

I primi bilanci per la nuova stagione parlano invece di un nuovo fiorire di società che potrebbero permettere di ritornare alla gestione totale da parte della Delegazione provinciale del classico girone di Terza. "Nella nostra provincia a partire da giugno - le parole del Delegato provinciale Benedetto Madeo insieme ai miei collaboratori ho fatto un tour delle società per rilevare lo stato di salute dei nostri sodalizi e la volontà di ripartire. Già durante gli incontri era emerso grande entusiasmo e voglia di tornare ad incrociare i tacchetti e difatti le iscrizioni hanno confermato le aspettative. Tutte le società che l'anno scorso erano iscritte ai campionati seniores regionali hanno confermato l'iscrizione al campionato di competenza ad eccezione di una società di Seconda categoria (il Megolo, n.d.r.) che però dovrebbe iscriversi al prossima campionato di Terza".

Iscrizioni per le quali ci sarà tempo fino al 30 di agosto ma che già ora, numeri alla mano, fanno segnare un aumento delle società del territorio: "Abbiamo ottimi riscontri per questo campionato - continua Madeo - con ben tre nuove squadre (Virtus CrusinalloCireggio il ritorno del Lesa Vergante che, seppur geograficamente in provincia di Novara, è sempre stato gestito dalla Delegazione del Vco, n.d.r.) e due società già affiliate che daranno vita alla loro "squadra B", possibilità concessa dalla LND a partire da questa stagione per le società che hanno squadre in categoria superiori per gestire rose ampie o permettere ai calciatori giovani di maturare esperienza in un campionato comunque competitivo com'è la Terza categoria (hanno scelto questa strada Dinamo Bagnella Fomarco Don Bosco, n.d.r.)".

Infine la Coppa, nelle ultime stagioni declinata a semplice orpello nonostante spesso giocata da squadre di valore capaci di arrivare fino in fondo alla fase regionale. "La Coppa di Seconda e Terza categoria, la cui prima fase è affidata completamente alle Delegazioni provinciali, negli anni ha assunto sempre più interesse non solo come preparazione pre-campionato ma anche per il prestigio che dà la possibilità di rappresentare la provincia a livello regionale. Al momento risulta l'interesse di ben 10 squadre (negli anni non si è andati oltre le cinque iscrizioni) che ci permetterebbe di stilare un calendario in piena regola".

Carmine Calabrese