Eccellenza girone A, campionato al via: ecco le 16 pretendenti - I AM CALCIO VCO

Eccellenza girone A, campionato al via: ecco le 16 pretendenti

Papasodaro, tra i nuovi all'Accademia
Papasodaro, tra i nuovi all'Accademia
NovaraEccellenza Girone A

Agosto, periodo di ritiri e di preparazione, tempo di calciomercato e di prime amichevoli estive, è da poco terminato. Con settembre si inizia a fare sul serio e, dopo l’assaggio di calcio vero con la Coppa Italia di categoria, siamo ormai a pochi giorni dal via del campionato. In questo articolo per Iam Calcio proviamo ad anticipare che tipo di competizione sarà il girone A di Eccellenza.

Sedici squadre dal 8 settembre saranno pronte a darsi battaglia sul campo: chi succederà al Verbania e conquisterà la tanto agognata promozione in Serie D?  Chi la spunterà nella lotta per la zona play off (che appare quanto mai equilibrata con un manipolo di 8-9 squadre pronte a contendersela)? Chi sarà la delusione della stagione e chi otterrà una tanto agognata salvezza? A queste domande solo il tempo ed il campo potranno dare risposta, per ora noi di Iam Calcio proviamo brevemente a presentarvi le 16 protagoniste del campionato, come si avvicinano a questa stagione e che tipo di campionato potrebbero fare.

Per non fare torti a nessuno andremo in rigoroso ordine alfabetico, buona lettura!

 

Accademia Borgomanero 1961: La squadra agognina parte a fari spenti senza fare proclami ma ha tutte le carte in regola per fare un buon campionato e lottare per una posizione play off. L’Accademia ha confermato in panchina mister Ferrero ed assemblato un'ossatura importante mantenendo quasi tutti i suoi big. Sul mercato si è puntato su innesti mirati: Fonsato per la porta, in difesa Vita al centro della retroguardia, il terzino classe 2000 Negretti dal Novara ed il jolly Paganini. A centrocampo ecco Papasodaro, centrocampista che porta centimetri al reparto. In attacco i rossoblu ripartono dal tridente Poi, Secci e Beretta e hanno puntato su Leonardo Sacco, classe '93 grande protagonista la scorsa stagione in Promozione al Dormelletto.

Alicese Orizzonti: L’unione tra Alicese e Orizzonti United ha portato alla nascita di questa nuova realtà che ha tutto per diventare protagonista fin da subito. Come ogni fusione che si rispetti si è cercato di trarre il meglio da entrambe le squadre. Panchina affidata a Ugo Yon che si è portato appresso alcuni suoi fedelissimi: il portiere Cerruti, i difensori Branca e Modena, a centrocampo il grintoso Meo De Filippi e in avanti Bernabino, giocatore che abbina qualità a fisicità. Dall’Orizzonti sono arrivati Cristino, Germano ed alcuni giovani. Sul mercato il ds Rosso ha messo a segno due colpi da novanta, portando in casa vercellese Amato e Brugnera. Andrea Amato, centrocampista classe '86, potrà dare qualità in fase di sviluppo della manovra mentre Joao Brugnera, trequartista classe '93, arriva da una stagione al di sotto dei suoi standard ma ha tutto per rifarsi e vivere una stagione da protagonista in maglia blugranata.

Aygreville: I valdostani hanno cambiato poco ma sulla carta sarà difficile confermare il quarto posto della passata annata visto come si è alzato il livello medio generale delle avversarie. Orfani del centrocampista Luca Pramotton e di Glarey, i rossoneri si sono rinforzati tra gli altri con Bonel. Le aquile valdostane puntano a vivere un campionato tranquillo, obbiettivo salvezza senza troppi patemi cercando di valorizzare i loro giovani come fanno da diverse stagioni.

Borgaro Nobis: Ai nastri di partenza del campionato 2019/20 la grande favorita per la vittoria finale è senza dubbio il Borgaro. La squadra torinese guidata in panchina da Russo ha come obbiettivo dichiarato il ritorno nella massima serie dilettantistica. Per farlo i biancoblu del D.S. Mimmo Cicciù hanno mantenuto parte della rosa della scorsa stagione, su tutti spiccano i nomi di Pinelli e Pagliero. I torinesi non hanno badato a spese rafforzandosi sul mercato con l’acquisto  di calciatori del calibro di Giuseppe Cacciatore dalla Folgore Caratese, Tulino dal Volpiano, Fontana dal Canelli, Noia dal Rivoli, Samuele Beretta dall’Orizzonti United e bomber Varvelli dal PontDonnaz.

Borgovercelli: Dopo una salvezza raggiunta negli ultimi minuti della sfida play out contro il Lucento, il Borgovercelli volta pagina e punta ad una stagione ad alta velocità con l’obbiettivo play off alla portata. Non sorprendiamoci troppo se la compagine vercellese sarà spesso nella parte sinistra di classifica. Riconfermato mister Moretto, i bianconeri si sono rafforzati molto nella sessione di calciomercato acquistando tra gli altri tre giocatori di grande esperienza come l’estremo difensore Cantele, il regista Incontri e un "Bomber" con la B maiuscola come De Lorentiis.

Città di Baveno: Fine di un'era a Baveno, dopo 17 anni Pissardo non sarà più l’allenatore dei biancoblu borromaici. Per sostituirlo la società ha puntato su Rino Molle, da anni in società con ruoli importanti nel settore giovanile. Nuovo tecnico, stessi obbiettivi di sempre: fare una stagione importante e centrare l’obbiettivo play off. La società ha allestito una rosa ambiziosa prelevando Samuele Salice, uno dei più forti centrali difensivi della categoria; la mediana è stata rinforzata con gli innesti di Ferrara, Clausi, Gjonaj e Gitteh. In attacco riecco bomber Salzano che dopo sei mesi fa il suo ritorno Baveno e braccetto con il neo-acquisto Giovanni Romano, reduce dal campionato vinto con il Verbania.

Fulgor Ronco Valdengo: Dopo 10 lunghi anni riecco la Fulgor Valdengo in Eccellenza; i biellesi hanno raggiunto questo traguardo attraverso il ripescaggio. L’obbiettivo è quello di fare un campionato dignitoso cercando di centrare una salvezza che sulla carta appare un’impresa molto difficile ma non impossibile. Per raggiungere questo obbiettivo in panchina si è puntato sul navigato Marco Mellano che dopo 13 anni e numerose esperienze torna alla guida della Fulgor. Numerose le conferme a cominciare dalla bandiera Matteo Torta; tra gli acquisti spicca Rogora, classe '99, buon giocatore in cerca di capire la sua reale collocazione tattica, mentre c’è molta curiosità di vedere all’opera in Eccellenza il talentino classe 2000 Klevin Manzano.

Le Grange Trino:  Ad oggi appare un'incognita perché i vercellesi hanno cambiato molto; leggendo la rosa attuale spiccano i volti nuovi, in particolare i difensori Schettino e Midali, il centrocampista Scutti, il rapido Veliu ed il centravanti Erbini, già in forma campionato con una tripletta nel match di coppa Italia. Una squadra rivoluzionata alla quale manca forse ancora qualcosa per lottare per le posizioni di spicco, i biancoazzurri dovranno stare attenti a non finire risucchiati nelle “melmose” zone basse di classifica.

La Biellese: All’inizio della passata annata in molti davano La Biellese come grande favorita del campionato. Così non è stato, anzi senza dubbio i bianconeri sono stati una delle più grandi delusioni della scorsa stagione. Confermato Peritore nel ruolo di allenatore e D.S., i lanieri puntano a fare bene fin da subito con la speranza di poter lottare per posizioni più nobili strada facendo. Tra i confermati spiccano i nomi di Cremonte e Cabrini mentre tra i nuovi acquisti ecco il ritorno del centrocampista Maurizio Giunta (classe '92); in difesa ecco l'esperto Grancitelli, che vanta più di 500 presenze tra C e D, mentre dal PontDonnaz arrivano l’eclettico centrocampista offensivo Jean Marc Favre e il terzino Cristian Affinito che può giocare anche come laterale alto e terzo centrale di difesa. In attacco a completare il reparto è il turno di Alessio Mercandino. I bianconeri hanno fatto una campagna acquisti intelligente anche in ottica giovani: diversi sono gli under approdati a Biella, inoltre la società ha confermato due classe 2000 interessanti come Nicoletta e Naamad.

La Pianese: Sarà La Pianese disastrosa del girone d’andata della scorsa stagione o sarà La Pianese schiacciasassi delle ultime 10 giornate del girone di ritorno? Solo il campo potrà dirlo, l’obbiettivo dichiarato è quello di ottenere una salvezza senza tutti i patemi della passata annata ma visto il buon mercato i torinesi possono certamente ambire a qualcosa di più. Biancorossi che si sono rafforzati con un portiere d’esperienza come Tunno, un centrocampista come Rosso che può vantare numerose presenze in C e Gueye difensore in uscita dall’Orizzonti.

Oleggio: Voglia, entusiasmo, e spensieratezza: queste sono le premesse con cui gli "orange" si affacciano all’Eccellenza. Dopo aver trionfato in Promozione l’Oleggio del d.s. Ganci punta dritto alla salvezza nella nuova categoria. In panchina riconfermato mister Dossena che negli anni ha saputo dare continuità di progetto e bel gioco alla squadra. Tra i nuovi acquisti spicca il colpo di mercato delle ultime ore: Luca Cherchi, centrocampista di quantità e qualità può permettere di aumentare il livello di una rosa già ben costruita. Oltre all’ex Accademia sono arrivati Latta Jack, attaccante di movimento dotato di grande tecnica ed imprevedibilità, l’estremo difensore Sivero dal Piedimulera, i difensori Adami e Bustreo, l’esterno offensivo Cherchi classe 2001 dall’Arona, e da Biella i centrocampisti Botto Poala e Canton. I novaresi hanno tutte la carte in regola per ottenere la permanenza in Eccellenza ed essere una mina vagante in grado togliersi qualche bella soddisfazione come hanno già dimostrato in Coppa Italia.

PontDonnazHoneArnadEvanco: Ad oggi sulla carta il Borgaro sembra poter fare un campionato a parte; a provare a mettergli i bastoni tra le ruote davanti a tutte le altre ci saranno sicuramente la Ro.Ce. ed il PontDonnaz. I valdostani avranno voglia di rivalsa dopo il secondo posto ottenuto la scorsa stagione e per provare a migliorarsi gli arancioni hanno cambiato anche in panchina ingaggiando Ezio Rossi, mister di grande esperienza con un passato tra Serie B e C. Numerose le conferme tra cui il portiere Gini, i difensori Sassi (01), Fiore, Scala, i centrocampisti Borettaz e Cena e in attacco Jeantet. Sul mercato ecco alcuni colpi importanti come i difensori Benna e Marianini. A centrocampo sono arrivati due giocatori di sostanza come Mazzucco e Comentale ed un trequartista tecnico come Orazio Orofino che può giocare molto bene anche nel ruolo di esterno. Davanti la ciliegina sulla torta è stato l’acquisto di Francois Daynè. Il reparto offensivo dovrà sopperire alla partenza di Varvelli e per provare a sostituirlo i valdostani hanno puntato sulla prima punta Simone Menabò.

Pro Settimo Eureka: La stagione dei torinesi è una scommessa: squadra giovane che vuole ottenere il prima possibile una salvezza quanto più tranquilla possibile. I biancocerchiati ripartono dal bel gioco espresso la scorsa annata che ha contribuito a raggiungere un importante quinto posto finale. Confermato Tosoni in panchina, la squadra è stata completamente rivoluzionata: numerosi gli addii importanti (in particolare quelli di De Lorentiis, De Letteriis e Costa), si punta tanto sugli Under cercando di valorizzare quelli già testati nello scorso campionato come Galietta e Verlucca; inoltre diversi sono i prospetti interessanti promossi dalla juniores come Rolle e Tufarolo a cui si aggiungono i neo acquisti Daidola, classe 2000, e Panero ('99).

Rivoli: La neopromossa si affaccia all’Eccellenza con poco da perdere e tanto da dimostrare. La squadra è stata affidata a mister Rosario Ligato, reduce dalle dimissioni nella passata stagione a Lucento, un tecnico giovane e molto preparato che trasmette principi tattici e grinta alla squadra. I torinesi hanno imbastito una squadra esperta pronta a vendere cara la pelle specie sul suo terreno amico, dalla sessione estiva sono arrivati tra gli altri: Pregnolato, Valenza, Lerda, Cristiano, l’ex biellese Paladino, Stocco e Riva Governanda.

Romentinese e Cerano: Senza dubbio una squadra molto ambiziosa, che sulla carta ha tutte le qualità per lottare alla conquista della vittoria finale. La compagine novarese ha affidato la panchina a mister Luca Cataldo. Sul mercato il neo d.s. Bratto ha allestito una rosa interessante piazzando dei veri e propri colpi da novanta per la categoria come Alessio Buglio, calciatore che vanta una sessantina di presenze tra i professionisti e quasi 200 in Serie D; oltre a lui ecco i difensori Michi e De Dionigi, mentre in avanti occhi puntati sul ritorno di Ballgjini e sul neo-acquisto Colombo, un vero e proprio bomber grande protagonista la scorsa annata nella salvezza della Castanese. Quando il mercato dei novaresi sembrava terminato ecco che i verde-granata hanno aggiunto due importanti tasselli alla rosa assicurandosi prima le prestazioni di Migliavacca dal Novara e poi, vero colpo a sensazione dell’estate, Alex Gulin, classe '95 cresciuto nelle giovanili della Fiorentina. Il talentuoso esterno offensivo ha giocato in realtà importanti come Feralpisalò, Pordenone, Catania, Campobasso prima di approdare a Gozzano dove ha vissuto la cavalcata trionfale verso la Serie C mentre nell’ultima stagione è stato in forza all’Arconatese.

Stresa: Lo Stresa ha avuto un brutto risveglio dal sogno Serie D e dopo una sola stagione si trova di nuovo ai nastri di partenza dell’Eccellenza, per lottare al vertice. I borromaici hanno puntato in panchina su Talarico, tecnico in grado di portare il Città di Verbania a trionfare in Promozione nella stagione 2017/18 e voglioso di rivincite personali dopo l’esonero subito dopo poche giornate alla guida della Juventus Domo nella passata stagione. I "Blues", dotati di un ottimo reparto arretrato, potrebbero essere una possibile outsider per le primissime posizioni e se le altre non terranno ritmi altissimi anche per la promozione diretta, non dimenticando quello che sono stati in grado di fare nella stagione 2017/18. Lo Stresa ha confermato tra gli altri la saracinesca Barantani, il funambolico Scienza e capitano Frascoia. Dal mercato sono arrivati due fedelissimi di mister Talarico come Pici e Diaz; poi Candolini dalla Sestese, Testori da La Biellese e un trittico di giocatori tecnici e veloci come il mancino Menabò dal Trino (in grande spolvero nel precampionato), l’esterno offensivo Kouadio dal Briga e la punta Atou Niang dalla Pro Donero.

In sintesi queste sono le 16 squadre che si apprestano a prendere il via al prossimo campionato di Eccellenza: che dire, se queste sono le premesse mettiamoci comodi e prepariamoci ad assistere ad un campionato spettacolare.

Mirco Vecchi