La Dinamo scappa, il Maggiora la insegue: il campo dice 2-2

Lissoni-gol, al Maggiora non basta
Lissoni-gol, al Maggiora non basta

Era attesa come il primo testa a testa tra squadre che puntano a vincere il campionato di Terza categoria raggruppamento Vco, la sfida tra Maggiora e Dinamo Omegna e la partita non ha deluso i pronostici. Ne è venuto fuori un pareggio, un risultato che lascia inalterate le possibilità di entrambe di raggiungere l'obiettivo prefissatosi in estate al momento della costruzione delle squadre. L'unica macchia ad una gara altrimenti positiva è stata la conduzione arbitrale "rivedibile", che ha scontentato un po' tutti non consentendo alle due formazioni di giocarsi fino al fondo il match al meglio delle proprie possibilità.

Il "giallo" del giallo Che non fosse una gara come le altre lo si capisce subito dal clima che si vive entrando al "Comunale" di Cavallirio, quell'attesa per una partita che potrebbe già indirizzare la stagione pur arrivando così presto all'interno del calendario del campionato. Mister Ferri può disporre di tutti i suoi elementi presentando in campo la miglior formazione come può altresì fare il tecnico cusiano Boldrini, che lamenta però qualche acciacco di troppo nell'undici sceso in campo. Acciacchi che in avvio di partita però non si vedono, se è vero com'è vero che al 2' gli ospiti sono già in vantaggio: al primo affondo il cross dalla destra di Jodero, bucato da Del Boca e Piazza, diventa buono per Giusto che con freddezza deposita alle spalle di Cordini. Il Maggiora non si fa condizionare dallo svantaggio, lo stesso Del Boca imbecca sulla Lissoni che sfugge alla difesa depositando di potenza in fondo al sacco: al 6' è già 1-1! Ma non è finita qui, al 9' la punizione coi giri giusti di Cerutti trova la testa di Lampione che svetta infilando la porta avversaria prima che l'arbitro annulli per una non meglio precisata infrazione dell'attaccante cusiano. Micheletti intanto ci prova da fermo, impegnando prima Fioretti alla non semplice deviazione in angolo (17') e poi sfiorando il palo alla destra del portiere ospite (20'). Gli errori difensivi zavorrano però la prima mezz'ora del Maggiora e al 27' la Dinamo passa nuovamente in vantaggio quando Di Carlo è il più lesto ad approfittare di una dormita generale della retroguardia locale per battere nuovamente l'incolpevole Cordini. Questa volta il pronto ribaltamento non riesce, gli omegnesi controllano bene il campo provando anche a fare ancora male: al 39' Capogno dalla distanza non sorprende Cordini, al 42' Jodero serve Lampione che in spaccata supera il portiere del Maggiora trovando però sulla linea di porta Piazza pronto a ribattere. Al 44' è Papetti direttamente su punizione che per poco non inganna l'estremo difensore novarese che recupera la posizione e respinge. Prima del riposo Vargiolu di Biella diventa protagonista assoluto: al 45' un fallo a centrocampo di Del Boca fa esporre al direttore di gara il cartellino giallo, che poi diventa subito rosso per una doppia ammonizione che, se c'è stata, nessuno a Cavallirio ha visto. Pochi secondi dopo, forse accortosi dell'errore, un fallo innocuo di Cerutti viene punito con lo stesso provvedimento e, essendo anche per il cusiano il secondo giallo raccolto, le squadre tornano negli spogliatoi in parità numerica tra le proteste generalizzate.

Cambio azzeccato Boldrini corre ai ripari inserendo subito Marchesa per il positivo Jodero mentre Ferri ridisegna la squadra spostando solamente le pedine in campo. Al 6' il Maggiora grida al gol, la punizione ben indirizzata di Micheletti si infrange sul palo e Cittadino, sul comodo tap-in, di testa spedisce sul fondo. La Dinamo Omegna non sta a guardare, al 9' il coast to coast di Lapidari termina con un diagonale di Giusto che si perde oltre i pali difesi da Cordini mentre un minuto dopo è decisivo Gonella a recuperare su Lampione altrimenti lanciato a rete. Il vento è però cambiato, il Maggiora che si sente maggiormente danneggiato raddoppia gli sforzi chiudendo gli avversari nella propria metà campo e al 12' è Lapidari a salvare sulla stoccata di Micheletti concedendo un corner sul quale svetta Piazza per mandare la sfera di poco a lato. Al 17' Ferri indovina il cambio buttando nella mischia il tonico Mbow per Zola e dopo due minuti, lo stesso Mbow guadagna dai venti metri una punizione che Micheletti trasforma nel gol del 2-2. Raggiunto il pari, il Maggiora spinge alla ricerca del gol del successo essendosi reso conto del calo fisico patito dai cusiani, al 27' il tiro sballato di Cittadino diventa un assist per Lissoni che colpisce la faccia interna della traversa ma a gioco fermo per posizione di offside dello stesso attaccante. Al 38' Pontiroli ruba palla ad uno stanchissimo Lapidari che è però bravo a recuperare sul neo entrato che ci impiega troppo per tentare la conclusione, passano pochi secondi e sul corner concesso dal centrale cusiano e battuto da Micheletti nessuno giocatore di casa è pronto ad intervenire su un pallone che taglia tutta l'area. L'ultimo brivido lo confeziona ancora Micheletti in pieno recupero, una punizione che esce per una questione di centimetri e che manda in archivio la sfida con una giusta divisione della posta in palio.

MAGGIORA-DINAMO OMEGNA 2-2

Reti: 2' Giusto (D), 6' Lissoni (M), 27' Di Carlo (D); 19'st Micheletti (M).

Maggiora (4-3-3): Cordini; Piazza, C. Erbetta, Ienzi, Gonella; Zola (17'st Mbow), Micheletti, Del Boca; A. Gallo, Cittadino (32'st Pontiroli), Lissoni. A disposizione: Zucchet, Di Giovanni, L. Gallo, Bardini, Rizzo, Fiandaca, Zanetta. All. Ferri. 

Dinamo Omegna (4-2-3-1): Fioretti; Papetti, Zennaro, Lapidari, Palmieri; Capogno (12'st Madeo), Cerutti; Jodero (1'st Marchesa), Di Carlo (28'st Ripamonti), Giusto; Lampione (44'st N. Erbetta). A disposizione: Sista, Guida, Stefanelli, Antonini, Gaeti. All. Boldrini.

Arbitro: Vargiolu di Biella.

Note: Espulsi al 45' Del Boca (M) e al 48' Cerutti (D), entrambi per doppia ammonizione; al 37'st il tecnico del Maggiora Ferri e al 41'st il tecnico della Dinamo Omegna Boldrini, entrambi per comportamento non regolamentare. Ammoniti Erbetta, A. Gallo, Zola e Lissoni per il Maggiora, Fioretti, Madeo, Zennaro e Capogna per la Dinamo Omegna.

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:MAGGIORA DINAMO OMEGNA