Calciomercato LIVE

Stresa, ufficiali gli arrivi di Boari e Latta

Latta, nuovo punto di forza stresiano
Latta, nuovo punto di forza stresiano

Doppio colpo in casa Stresa che nella prossima stagione potrà contare sulle prestazioni del portiere Elia Boari e dell'attaccante Andrea Latta Jack, entrambi classe '93 ed entrambi già ufficializzati in casa borromaica.

Boari, portiere che ha già maturato importanti esperienze in categoria, ha già vissuto un percorso di tutto rispetto sul nostro territorio indossando la casacca dello Sporting Bellinzago con il quale ha conquistato lo storico salto in Lega Pro nella stagione 2015-16 prima della mancata iscrizione della società gialloblu novarese. Da lì il portiere ha poi peregrinato in Lombardia tra Fenegrò e Sestese ma forte è stata l'esperienza svizzera con Ascona, Bellinzona e Taverne; significativi anche gli inizi dell'ancor giovane estremo difensore che ha avuto modo di indossare anche le magliette di Castiglione e Pro Piacenza.

Sempre in crescita la carriera dell'ormai ex attaccante biellese Latta: la scorsa stagione vissuta tra le fila dei "lanieri", che ha fruttato all'attaccante novarese ben 18 reti in Eccellenza, è servita da trampolino di lancio al giocatore che voleva fortemente misurarsi con la Serie D. Da qui nasce l'accordo con la società lacuale, che ha anticipato la Romentinese e Cerano nell'assicurarsi un giocatore che, nato nella Romentinese e cresciuto con il Varallo e Pombia prima di trasferirsi a Biella, intraprende questa avventura con tantissimo entusiasmo: “Sono due anni che Biscuola mi corteggia, era destino che arrivassi finalmente a Stresa. Nella mia indole c’è la voglia continua di migliorarmi e trovare nuove sfide. Questa occasione era quella che aspettavo. Ho vissuto una settimana difficile, nell’attesa di una chiamata, quando La Biellese mi ha detto che potevo essere libero di trovare una squadra. Per questo voglio ringraziare la mia famiglia e i miei amici che mi hanno supportato in questi giorni. La chiamata dello Stresa è stata come una luce. Il mio obiettivo era proprio quello di potermi misurare in una categoria diversa. Credo di poter dire di essere un buon giocatore per l’Eccellenza, devo dimostrare, insieme allo Stresa, di poter essere anche un buon giocatore di serie D. Questo l’obiettivo: conoscere la categoria, misurarsi con essa e provare a rimanerci. Insieme ai miei compagni faremo di tutto per gratificare la società che ha creduto in noi”.

Carmine Calabrese