Al 90' decide Trentani

Squadre al riposo sullo 0-0
Squadre al riposo sullo 0-0

Un'incornata di Massimo Trentani al 90' decide Baveno-Omegna, match inaugurale del girone A di Coppa Italia di Eccellenza, e regala i primi tre punti del triangolare, di cui fa parte anche il Verbania, ai biancoblù di Pierguido Pissardo.

Ritmi bassi Il primo tempo regala poche emozioni e lo 0-0 con cui si va al riposo è la logica conseguenza di quanto visto sul terreno di gioco. Eppure in avvio Santiago Sogno, l'ultimo arrivato in ordine di tempo in riva al Lago Maggiore, prova a sorprendere Fovanna con una punizione che si spegne di poco a lato. E' il 4' e le premesse sembrano buone. Non è così, perché le squadre sono ancora un po' imballate e i nuovi arrivati, sia da una parte che dall'altra, devono ancora trovare l'intesa con i compagni. Il Baveno rinuncia a Hado, non ancora al 100% dopo il grave infortunio della scorsa stagione, e parte con Trentani prima punta supportato da Sogno e Motetta. La difesa è a quattro ed è la stessa dello scorso anno, eccezion fatta per il giovane Zanella che opera sulla sinistra. In casa rossonera Cassani ha in mano le chiavi della manovra omegnese. E' un'Omegna che schiera una difesa a tre con Salvigni (non al meglio) che opera al centro con Bainotti, uno dei tanti ex della partita, e Pecci a dargli man forte. Magni galoppa sulla destra e il suo continuo e perpetuo movimento mette spesso in difficoltà la retroguardia di casa. In attacco Bogani è affiancato da Romano, altro ex, che tra il 25' e il 27' si procura due occasioni da rete che Chiaverini, portiere ex Ivrea, neutralizza senza troppi patemi. Il primo tempo, come detto, trascorre senza grossi sussulti e ad un avvio in cui il Baveno si fa preferire all'Omegna, segue una lunga fase in cui è la squadra rossonera a impressionare maggiormente. I ragazzi di Tabozzi tengono palla, ma faticano a concludere a rete e in alcuni casi eccedono in leziosità fini a sé stesse. Prima del riposo Baldo scende sulla destra e mette in mezzo per Sogno che gira prontamente a rete, ma non sorprende Fovanna.

Altra musica La ripresa è ben più scoppiettante e già dopo 45'' il Baveno si rende pericoloso con Trentani che di testa, su traversone di Sogno, gira a rete mancando il bersaglio grosso. Quest'ultimo lo centra, pochi secondi più tardi, Sogno che prende palla sulla sinistra, si avvicina al limite dell'area e lascia partire un destro che si infila sul palo lontano sorprendendo Fovanna. L'Omegna accusa il colpo e al 4' è Trentani a spaventare il giovane portiere rossonero con una conclusione centrale che viene però neutralizzata da Fovanna. E' un'Omegna che è rientrata per i secondi 45' senza Manfroni, sostituito da Viscomi, da poco aggregatosi al resto della truppa. Al 13' Marelli ci prova dal limite, ma il suo sinistro è bloccato da Fovanna. Il Baveno addormenta la partita dando l'impressione di accontentarsi dell'1-0, mentre i due tecnici effettuano alcune modifiche agli assetti iniziali. Tabozzi si affida a Vincenzo Abbagnano (tanto per cambiare ex anche lui) al posto di un Cassani non nella sua miglior giornata. Pissardo, dal canto suo, si gioca le carte Libralon e Kouadio al posto di Marelli e Cunati. Al 31' l'Omegna pareggia e l'1-1 porta la firma proprio del neo entrato Abbagnano e giunge al termine di un'ottima azione corale dei rossoneri con Bogani e Appetito (che in passato aveva vestito la maglia del Baveno...), i quali rifiniscono per Abbagnano che entra in area, rimane freddo e di giustezza batte Chiaverini in disperata uscita. Tabozzi si copre togliendo Appetito, in precedenza ammonito, e gettando nella mischia Torricelli che garantisce maggior copertura. Il suo collega Pissardo, invece, toglie uno stanco Motetta e inserisce Ramalho. In tribuna Claudio Giavani, direttore generale del Verbania, sta già pensando al match di mercoledì sera, da giocare in casa contro il Baveno, quando al 45' Sogno mette in mezzo un pallone che Trentani di testa mette alle spalle di Fovanna. Cambia il programma del triangolare e mercoledì sera sarà Omegna-Verbania con i rossoneri che giocheranno in casa e sceglieranno, con ogni probabilità, di giocare a Gravellona. Sarà Omegna-Verbania, anche perché al 47' Chiaverini si distende sulla sua destra per deviare in corner un velenoso diagonale rasoterra di Bogani che sembrava destinato all'angolino.

CITTA' DI BAVENO-OMEGNA 2-1

Reti: 2'st Sogno (B), 31'st Abbagnano (O), 45'st Trentani (B).

Città di Baveno (4-3-2-1): Chiaverini; Baldo, Menaglio, Stanglini, Zanella; Cunati (25'st Kouadio), Rugariva, Marelli (19'st Libralon); Motetta (37'st Ramalho), Sogno; Trentani. A disposizione: Borgo, Hado, Zanoni, Petrulli. All.: Pissardo.

Omegna (3-5-2): Fovanna; Pecci, Salvigni, Bainotti; Magni, Perini, Cassani (19' st Abbagnano), Manfroni (1'st Viscomi), Appetito (36'st Torricelli); Bogani, Romano. A disposizione: Palmigiano, Zanni, Cabrini, Galletti. All.: Tabozzi.

Arbitro: Del Notaro di Domodossola.

Note: spettatori 350 circa, ammoniti Baldo nel Città di Baveno, Appetito e Viscomi nell'Omegna.

Donatello Zonca