Calciomercato LIVE

Qui Oleggio, parla Budelli: "Non abbiamo pressioni, voglio la finale"

Cristian Budelli
Cristian Budelli

Nella stagione più che positiva dell'Oleggio, che domenica comincerà il proprio cammino nei playoff riaffrontando per la seconda volta nel giro di una settimana l'Omegna con l'Accademia Borgomanero nel mirino, una posizione di rilievo ha saputo ritagliarsela anche Cristian Budelli, baluardo difensivo della formazione di Dossena diventato un vero e proprio punto di riferimento all'interno e fuori dal campo.

Proprio a lui, alla vigilia della sfida playoff con l'Omegna, abbiamo voluto chiedere quali sono le sensazioni, quali le speranze e soprattutto in che condizione arriva a questo appuntamento il suo Oleggio, dopo una stagione vissuta alla rincorsa di un appuntamento che proprio grazie ai novaresi ha potuto trasformarsi in realtà.

- Cristian, domenica cominciano i playoff. Questo appuntamento è stato in dubbio per gran parte della stagione e proprio per merito dell'Oleggio anche la prima fase della post season vivrà sul campo il proprio sviluppo. Con quale spirito vi approcciate a questo passaggio fondamentale della stagione?

"Con il solito spirito che ci ha sempre contraddistinto nel girone di ritorno: il gruppo ha grande spensieratezza, visto che la società non ci ha mai messo alcuna pressione e che il mister ci ha sempre messo nelle condizioni di dare il massimo, unita ad una fortissima determinazione nel provare ad esprimerci nel migliore dei modi su tutto ciò che proviamo in settimana, allenandoci a dir poco benissimo e con ritmi sempre alti ed intensi".

- Vi troverete nuovamente di fronte l'Omegna a distanza di solo una settimana: che partita è stata quella appena passata e come prevedi possa essere la prossima?

"Quella di domenica scorsa è stata una gara combattuta e spettacolare fino agli ultimi minuti, con tanti rovesciamenti di fronte. Credo però che quella di questa settimana sarà totalmente diversa, anche perché il mister avrà a disposizione anche me e Capacchione che domenica non abbiamo giocato. Sicuramente la posta in palio è altissima, c'è da entrambe le parti la voglia di dimostrare di volere a tutti i costi la prestigiosa finale a Borgomanero".

- Quali sono, a tuo modo di vedere, i punti di forza maggiori dell'Omegna a cui prestare particolarmente attenzione?

"L'Omegna è un'ottima squadra, io la vedo bene in tutti e tre i reparti, visto che ha allestito una rosa fatta in egual misura di esperienza e giovani di qualità. Dovremmo fare molta attenzione sulle palle da fermo, i cusiani sono anche una squadra fisica e sotto quest'aspetto potrebbero crearci non poche difficoltà. Comunque, visto che si è arrivati a questo punto, penso che le tre squadre ancora in corsa siano complete ovunque, in primis l'Accademia Borgomanero di cui tutti conosciamo l'effettivo valore".

- Facciamo un gioco, quelle delle percentuali: quante possibilità dai alla vigilia all'Oleggio di andarsi a giocare l'ambita gara con l'Accademia Borgomanero?

"Non andrei oltre il 50% anche se abbiamo la possibilità di passare il turno con il doppio risultato, un aspetto positivo che può anche tramutarsi in un male se non bene interpretato. Quello che mi auguro è che tutto il gruppo si dimostri prontissimo dal punto di vista emotivo, sono convinto che mister Dossena lavorerà proprio in questa direzione per permettere all'Oleggio di presentarsi in campo al top".

Carmine Calabrese