Strola è l'ultimo gioiello del vivaio bavenese

Federico Strola
Federico Strola

Un settore giovanile da sempre prolifico come quello del Città di Baveno, che negli anni è sempre riuscito a proporre giocatori poi in grado di ben figurare sia a livello professionistico che nelle massime categorie del calcio dilettantistico, anche in questa stagione sta sfornando elementi già sotto l'attenzione del calcio che conta. L'ultimo in ordine di tempo, il portiere classe 2001 Federico Strola, è stato convocato al raduno territoriale dell'Area Nord della Rappresentativa Nazionale Dilettanti Under 17, tenutosi presso il Centro Sportivo di Brugherio martedì scorso, nell'ambito del Progetto Giovani LND. Una conferma dell'ottimo lavoro svolto dalla società lacuale sui giovani, polmone verde anche per la prima squadra di Pier Guido Pissardo.

"Siamo soddisfatti e orgogliosi - dice il responsabile del Settore Giovanile bavenese Elia Maggio - di questa bella convocazione. Mandare un nostro atleta in una selezione della rappresentativa Nazionale è sicuramente un ulteriore motivo per credere ancora di più in un progetto di settore giovanile basato sull'attenzione diretta ai nostri atleti, sulla loro crescita e sulle opportunità che hanno durante le partite di campionato, opportunità che possono significare per i ragazzi progressione della loro carriera. Penso che sia i nostri Mister, che stanno facendo un lavoro strepitoso, sia tutti i nostri giovani atleti abbiano capito questo messaggio e che anche altri del bacino calcistico se ne siano accorti; certo mi verrebbe da dire che se qualcuno non ha afferrato la nostra filosofia vuol dire che del Città di Baveno non può far parte. Federico non è stato l'unico, in questi mesi sono stati convocati altri nostri atleti nelle varie rappresentative Giovanissimi e Allievi e poco tempo fa abbiamo ricevuto un invito sportivo dalla Virtus Entella per il nostro Davide Prandini (classe 2002) che per tre giorni si è allenato nel centro sportivo di Chiavari; pensiamo poi all'acquisizione di giocatori come Genesini, proveniente dalla Pro Vercelli, e ci tengo a precisare che questi ultimi due ragazzi hanno già esordito nella nostra Prima Squadra voluti da mister Pissardo e altri sono già sotto la sua osservazione. Ma anche solo se guardiamo agli atleti che non sono più da noi ma che sono cresciuti nelle giovanili del Città di Baveno come Vono (classe 2000) e Gambino (classe 2002), presi quest'anno al Torino FC, ci fa credere in un progetto che vuol dire questo, risultati non solo sul campo ma intesi come obiettivi raggiunti, credendo e seguendo un ideale proprio della Società e della dirigenza. I ringraziamenti vanno anche e sopratutto al Presidente Ranchini e a Roberto Caretti, nostro Direttore Generale, che stanno dando ampia fiducia al Progetto del Settore Giovanile, e al nostro patron Massimo Zacchera che con la sua passione e i suoi investimenti permette di poter supportare un progetto così fruttuoso".

Carmine Calabrese