Il fattore campo spinge la Sparta, superato il Vogogna

La Sparta si guadagna il Trecate
La Sparta si guadagna il Trecate
- 123793 letture

Nella prima sfida dei playoff del girone A di Prima categoria è la Sparta Novara ad accedere al secondo turno liquidando, non senza problemi, il Vogogna di Chiaravallotti con un risultato striminzito che ha messo in evidenza una forma non del tutto smagliante, verosimilmente legittimata da inconsueti fattori. Nel complesso, una partita interpretata con grinta dai novaresi solo nella prima metà della ripresa quando il gol vittoria, siglato dell’attaccante più prolifico della formazione novarese Davide Repossini, ha aperto le porte alla prossima gara contro l’agguerrito Trecate di Mantegazza, per il terzo anno consecutivo ai playoff. Non si discosta di molto l’impegno profuso dagli ossolani, giunti nel capoluogo novarese con la chiara intenzione di strappare una vittoria che sicuramente sarebbe stata alla loro portata se le incisive folate offensive non fossero state vanificate dalla mancanza di precisione dei propri attaccanti. 

Iniziativa ospite Inizio a spron battuto per gli ospiti che già al 4' testano l’attenzione di Accordino che deve distendersi per bloccare l’insidioso tiro su punizione di Cerini. La risposta dei novaresi non è pari alla pericolosità degli ossolani e il tentativo di Repossini al 14' non preoccupa un Lattanzio ben piazzato. L’atteggiamento tattico dell'undici novarese nel prosieguo della gara pecca in maniera evidente, specie nel contrastare il movimento senza palla dei centrocampisti ossolani che riescono a gestire più efficacemente le manovre offensive e trovare varchi utili per servire in profondità i propri attaccanti. Al 20' il Vogogna si affaccia ancora in area novarese con il tiro di Moggio che passa di poco a lato della porta dell’estremo difensore novarese. Lo Sparta appare ancora disorientato e confuso nelle trame di gioco ma al 37' un’invenzione di Oprea pesca solitario Asole sull’out di destra, la conclusione dell’attaccante novarese manca di precisione. Replica ossolana di altrettanta pericolosità al 43' quando ancora Moggio aggancia al limite dell’area il traversone di Tabacco e da ottima posizione calcia addosso ad Accordino. Manca una manciata di secondi al duplice fischio quando lo Sparta esulta al gol di Antoniotti ma il direttore di gara annulla il tap-in per fuorigioco dello stesso difensore. 

Repossini decisivo Fin troppe le energie profuse da entrambe le squadre nella prima parte di gara complice anche la giornata molto calda, ma nei minuti iniziali la Sparta mostra una maggiore determinazione nel voler vincere la gara, soprattutto perché giocata tra le mura amiche. Al 5', alla punizione di Moggio facile preda di Accordino (3'), replica Verzotti che però non impensierisce Lattanzio. Dopo il primo quarto d’ora di gioco gli ossolani appaiono meno grintosi mentre i novaresi conquistano sempre più terreno pressando gli avversari che al 15' subiscono la rete di Repossini che in area scarta un paio di avversari e di sinistro batte Lattanzio sul palo opposto. Il doppio risultato a favore dei padroni di casa è motivo di maggior grinta e voglia di raddoppiare per chiudere definitivamente l’incontro e al 21' l’occasione capita a Stangalini che da favorevole posizione non centra lo specchio della porta avversaria. Il Vogogna però non accetta ancora il verdetto e tenta rabbiosamente la rimonta prima con Moggio che chiama Accordino ad un difficile intervento poi al 23' è la volta di Cerini che con una calibrata punizione fa la barba al palo ed infine al 30' con il tiro piazzato del neo entrato Pidò che, deviato da un difensore novarese, diventa un assist per Alex Battro che di un soffio manca la deviazione in rete a porta sguarnita. La Sparta è sotto pressione e subisce quasi passivamente la controffensiva avversaria che si fa ancora pericolosa al 35’ con la ghiotta occasione capitata ancora una volta sui piedi di Moggio che raccoglie il suggerimento di Alex Battro e dagli undici metri calcia un rigore in movimento fallendo clamorosamente la facile conclusione. Le macroscopiche occasioni fallite dagli ossolani non sono ancora terminate e c’è tempo per annotare al 37' il tentativo a colpo sicuro di Giorgetti che vede infrangersi il suo tiro da pochi passi tra una selva di gambe avversarie mentre, sulla susseguente rimessa in gioco, l’occasione per il raddoppio questa volta se la guadagna Oprea che a pochi passi da Lattanzio prova lo scavetto conil portiere ossolano che intuisce l’intenzione e con un colpo di reni devia fuori dallo specchio il sicuro raddoppio novarese. Pochi sono i minuti che separano i padroni di casa dall’esultanza per il passaggio del turno e con Asole al 42' potrebbero già festeggiare in anticipo, ma l’attaccante lanciato solitario in area, forse un po’ egoisticamente, prova il tiro a giro che passa di poco a lato della porta di Lattanzio. L’ultimissima occasione è per gli ossolani che al 43' potrebbero concretizzare gli sforzi ed acciuffare il pareggio che prolungherebbe la sfida ai supplementari, ma sul traversone di Moggio l’uscita in tuffo di Accordino blocca la sfera e le speranze dell'undici di Chiaravallotti di proseguire il cammino nei playoff.

SPARTA NOVARA-VOGOGNA 1-0

Rete: 15'st Repossini.

Sparta Novara: Accordino, Antoniotti, Barbero, Verzotti (45'st Battaglia), Zanotti, Cavagnetto, Fratton, Stangalini, Asole (44'st Colombara), Oprea, Repossini. A disposizione: Corciolani, Urani, Bianchi, Compierchio, Manzini. All. Zanardi.

Vogogna: Lattanzio, Scesa, Sgro (39'st Suppa), Martinelli, Giorgetti, Cerini, Moggio, Tabacco, D. Battro, A. Battro, Zenoni (27'st Pidò). A disposizione: Pavesi, Cotroneo, Romeo, Trungardi.  All. Chiaravallotti.

Arbitro: Lo Chiatto di Nichelino.

Note: Angoli 3-2, terreno in discrete condizioni. Ammonito Cavagnetto per la Sparta Novara.

Antonino Lanzetta