Rivoluzione Vallestrona, l'ultima pedina è Cordini

Cordini impegnato in campo
Cordini impegnato in campo

Cambierà completamente volto il Vallestrona alla ripresa del campionato perché tra partenze e nuovi arrivi il tecnico Serra si troverà a fare i conti con una rosa completamente rinnovata. L'ultima casella in ordine di tempo ad essere stata riempita è quella del portiere, con la società cusiana che ha chiuso con Gian Maria Cordini, reduce da una prima parte di stagione in forza all'Agrano. L'accordo con Cordini si è reso necessario per sostituire l'infortunato Amodei che, a causa di un problema fisico, sarà costretto a stare lontano dal terreno di gioco per almeno 2-3 mesi: "Sono particolarmente contento - annuncia il presidente cusiano Carmelo Catania di essere riuscito a convincere Cordini a scegliere il Vallestrona. Con lui andiamo a completare una campagna di rafforzamento che speriamo nel girone di ritorno dia risultati migliori ad una squadra che a nostro modo di vedere ha tutto per lottare per le posizioni di vertice. Giocatori come Puzzello e Tettamanti, solo per citarne alcuni, sono sicuramente importanti per la Prima categoria".

E sono proprio Domenico Puzzello Roberto Tettamanti gli altri colpi ad effetto di una squadra che si è rinforzata anche con i giovani Carboni Pisano e con il portiere Andrea Premi, l'ultima stagione in Prima con la Voluntas Suna. Puzzello, fermo dopo la stagione all'Omegna che sembrava poter essere l'ultima della carriera, darà spessore ad un centrocampo in cui è stato inserito anche Tettamanti, rimasto nella rosa del Feriolo pur senza giocare per problemi lavorativi nella prima parte della stagione.

"Non potevo dire di no - confessa Cordini - ad una società che ha fatto di tutto per convincermi a firmare. Il presidente Catania lo conoscevo già dalla comune esperienza ad Agrano ma mi ha fatto un'ottima impressione anche mister Serra, che mi ha fatto da subito sentir parte di questo gruppo. Non posso però non spendere una parola per la Pro Roasio, la società alla quale sembravo destinato e che per prima ha dato spazio a me e ai miei compagni fuori usciti da Agrano per allenarci: auguri a mister Ferri, alla società e a tutti i ragazzi di portare a termine quel cammino che dovrebbe condurli in Prima categoria".

Per quanto riguarda l'approdo alla Valle, Cordini accoglie l'opportunità con soddisfazione: "A differenza degli altri miei compagni che hanno avuto tante possibilità per ripartire in questa seconda parte di stagione, io ero consapevole che un portiere per trovare squadra deve andare in una situazione difficile dove il titolare aveva fatto male oppure attendere di trovare un posto libero senza grandi speranze. Già in passato il Vallestrona aveva cercato me, Lissoni, Micheletti ed Erbetta, forse era stata la prima squadra a sondare il terreno, ma per me era davvero difficile dire di sì perché Amodei stava facendo bene e sinceramente non avrebbe avuto senso sovrappormi a lui. Il suo infortunio ha poi aperto questa porta e io sono felice di poter dare il mio contributo ad una squadra che potrà sicuramente fare meglio nella seconda parte di stagione, per lottare anche per un posto playoff. Sinceramente era strano vedere la squadra così in basso nelle prime giornate, credo che il valore della rosa gialloblù sia, per la Prima categoria, di alto livello".

Carmine Calabrese