Perucco rilancia il Fomarco: "Non molliamo l'impegno"

Roberto Perucco
Roberto Perucco

Il pareggio conquistato ad Omegna è il punto di partenza del nuovo campionato del Fomarco, che anche grazie al lavoro certosino del direttore sportivo Roberto Perucco ha scongiurato una seconda parte di stagione da incubo. Ovviamente non sono tutte rose quelle che nasceranno in terra ossolana, alcuni giocatori-cardine hanno scelto di continuare altrove la propria avventura ma la società biancoverde è riuscita ugualmente a fare quadrato intorno a se stessa per non gettare la spugna prima del tempo.

E' proprio il ds Perucco a fare il punto della situazione su quello che potrà essere il cammino del Fomarco alla cui guida è rimasto Rober Pettinaroli: "Innanzitutto permettimi di ringraziare Licaj e Giani per esserci venuti incontro nelle difficoltà e aver deciso di rimanere con noi. Hanno dimostrato, tra le mille difficoltà che abbiamo dovuto affrontare nelle ultime settimane, di credere nel progetto di questo Fomarco e questo ovviamente mi ha fatto molto piacere. Abbiamo fatto in questi giorni un secondo piccolo miracolo, perché il primo l'avevamo già fatto questa estate assemblando una squadra in grado di affrontare il campionato di Promozione amalgamando 18 giocatori nuovi: nonostante al nostro presidente Flavio Balotti sia venuto meno l'aiuto di alcuni sponsor, costringendo la società a dimezzare il budget a disposizione per la stagione e a fare a meno di giocatori fondamentali alla causa come Marchetti, Ndiaye e Di Dio, siamo riusciti a mettere insieme le poche risorse rimasteci per allestire un gruppo che possa essere ancora competitivo. Sia io che mister Pettinaroli abbiamo deciso di non mollare l'impegno preso in estate perché crediamo che questa squadra possa ancora raggiungere il proprio obiettivo, che era e rimane quello di conseguire la salvezza: ringrazio la società per non aver mai messo in discussione il lavoro fatto dal sottoscritto e dal tecnico e per essere riuscita, tra mille difficoltà, a tenere a galla la barca".

In tutto questo però c'è anche il discorso sportivo e, con alcuni giocatori fuoriusciti, c'era la necessità evidente di intervenire per ridare anche numericamente a mister Pettinaroli un gruppo da Promozione: "Con la perdita di questi giocatori - continua Perucco - abbiamo perso buona parte del nostro potenziale tecnico-tattico. C'era la necessità di intervenire in ogni zona del campo e siamo partiti dalla porta dove abbiamo scambiato con la Juventus Domo il nostro portiere De Bortoli tesserando il giovane Pavesi. Siamo poi vicinissimi a chiudere l'accordo con il Verbania per il difensore Simone Verdoni, che andrà a rinforzare la terza linea. Poi una delle operazioni più importanti è sicuramente il recupero di un capitale della società come Mariano, un giocatore che nella prima parte di stagione ci è mancato molto".

Mancano alcune ore alla fine del mercato e il Fomarco ha ancora delle finestre aperte che conta di definire nelle prossime ore. Si parla del forte interessamento per due elementi in uscita dall'Agrano, Matteo Micheletti e Alberto Lissoni, anche se la trattativa non appare semplice proprio per le questione economiche che hanno già attanagliato il cammino del Fomarco in questa stagione. Non un percorso facile dunque, quello che attende gli ossolani, ma comunque un percorso; cosa che, solo una decina di giorni fa, sembrava quanto di più difficile da pronosticare.

Carmine Calabrese