Galeazzi promuove lo Stresa: "Tenuto testa al Baveno"

Sergio Galeazzi
Sergio Galeazzi
- 57186 letture

Anche se la partita non è andata certo come si sarebbe aspettato, Sergio Galeazzi trae parecchio di buono da quanto fatto dal suo Stresa al "Galli", dove ha incontrato quella che, anche a giudizio del tecnico borromaico, potrebbe essere la squadra maggiormente attrezzata per primeggiare nel prossimo campionato di Eccellenza: "Abbiamo avuto diverse occasioni nel primo turno, ne ho contate fino a cinque, ma non siamo riusciti a buttarla dentro. Recriminiamo per un rigore netto che non ci è stato concesso ma purtroppo anche gli arbitri sbagliano; dico che probabilmente il risultato è bugiardo ma anche che lo Stresa, finché ha avuto gamba ha dimostrato, soprattutto nel primo tempo ma per tutta la prima ora, di poter tenere testa al Baveno".

Uno dei migliori è stato sicuramente Paolo Scienza, che ha dato consistenza ad un centrocampo che prima del suo arrivo in questo pre-campionato aveva un po' faticato. Galeazzi non vuole parlare dei singoli giocatori preferendo fare un discorso maggiormente improntato alla squadra: "Al di là dei singoli bisogna sempre ricordare che per 19/20 lo Stresa è una squadra completamente nuova, c'è il solo Faraci reduce dalla scorsa stagione. Io però vedo già in questi ragazzi un'intesa di gioco, la squadra ha già una sua impronta e avendo incontrato forse la squadra maggiormente accreditata per il salto di categoria, tutti quelli che erano qui a vedere hanno potuto constatare che lo Stresa non si è dimostrato da meno".

La svolta della gara, arrivata in avvio di ripresa con la rete del vantaggio di Fabio Cabrini, lascia qualche rimpianto in casa stresiana perché giusto pochi secondi prima Galeazzi aveva perso Faraci, costretto al cambio: "Faraci ha chiesto lui il cambio, ha preso una botta sul polpaccio e siamo stati costretti a sostituirlo perché non riusciva più a correre. Se escludiamo questo però, andando a vedere le occasioni da gol sicuramente queste sono più a favore dello Stresa. Certo, il Baveno è stato più bravo a buttarla dentro ma il calcio è anche questo. Ci portiamo a casa da questa gara la consapevolezza di essere una squadra che durante tutto l'arco del campionato potrà dire la sua ma questo in fondo già lo sapevamo".

Carmine Calabrese